Giochiamo? Il naufragio di gruppo

 

 

Oggi parleremo dell’argomento del teamwork e lo facciamo proponendovi un’esercitazione considerata storica nel nostro ambito e utilizzata, con diverse varianti, in tutte quelle situazioni in cui l’obiettivo è osservare le dinamiche comportamentali che si sviluppano all’interno di un gruppo, come negli assessment e nelle giornate di formazione.

Immaginate di essere vittime di un naufragio.
Vi trovate nel bel mezzo di un oceano; attorno a voi solo acqua, acqua, acqua, null’altro. Siete su una scialuppa in balia delle onde, senza che nessuno sappia dove vi troviate.

Ipotizzate ora di avere la possibilità di scegliere, tra quindici oggetti, quali sono quelli a cui dareste maggiore importanza in una simile situazione.
I vostri potenziali salvavita sono:

 

  • Repellente per pescecani
  • Due scatole di tavolette di cioccolato
  • Zanzariera
  • Sestante
  • Attrezzatura da pesca
  • Telo di 7 metri quadrati di plastica opaca
  • Un bidone d’acqua
  • Specchietto
  • Cinque metri di corda di nylon
  • Piccola radio a transistor priva di trasmittente
  • Mappe del mare nel quale avete naufragato
  • Cuscini galleggianti
  • Miscela di gasolio
  • Una cassa di razioni alimentari bilanciate
  • Un quarto di Rum Portoricano

Ora, ad ogni oggetto affiancate un numero da 1 a 15, a seconda della priorità che vi pare più adeguata per poter rivedere un giorno la terraferma.

Una volta completato il vostro esercizio, inviatecelo e vi daremo un feedback (sconsigliandovi eventualmente di organizzare la vostra prossima vacanza su una nave da crociera…)!

Ancora meglio, se potete: improvvisate una situazione di gruppo con due, tre o più persone (colleghi di lavoro, familiari, o chi si trova fisicamente più vicino a voi in questo momento) e discutete insieme sull’ordine di priorità da assegnare agli oggetti, dopodiché inviateci il risultato e spiegateci brevemente come si è svolta la fase decisionale e quali sono state le dinamiche, cosicché potremo discuterne assieme.

Buon salvataggio. E buon lavoro!

 

 

Condividi l’articolo

Privacy Policy | Cookie Policy